L’ipotesi di Aspen

L’ipotesi di Aspen

L’ipotesi di Aspen è un collettivo di autori e musicisti attivo a Roma a partire dalla fine degli anni Novanta. Ha indirizzato la sua ricerca innanzi tutto nella direzione di un nuovo accordo tra la sfera poetica e testuale e quella sonora e arrangiativa, sapendo conquistare una voce originale all’interno della scena della canzone d’autore e del rock d’avanguardia italiani. La cura dei testi è affidata a Marcello Ravesi, docente, filologo, editorialista, voce e chitarra del gruppo.\

Dopo l’esordio negli anni zero con la produzione artistica di Toni Armetta (bassista compositore per M. Pagani, BANCO, ecc.), le collaborazioni diventano un modello produttivo per il gruppo, soprattutto dal vivo, suonando con Giorgio Canali, Tre Allegri Ragazzi Morti, Indaco, Ivana Gatti e Gianni Maroccolo, Paolo Tofani (AREA), Andrea Chimenti. Fino alla collaborazione in studio con Riccardo Tesio dei Marlene Kuntz (nel progetto SonetSenz). A giugno 2012 collezionano oltre 32.000 download con il singolo “Merli in bocca”, brano inserito nella compilation “ARTICOLO UNO”, progetto ideato dal gruppo Lo ZOO di Berlino e prodotta dal Consorzio ZdB per il quotidiano L’Unità, e a dicembre 2012 sono finalisti al “Premio De Andrè - Roma”.\

Nel 2016 esce l’album CRONACHE DA UN ASSEDIO. Dodici canzoni, altrettante pagine di un diario di guerra, in cui si narrano le forze che ci assediano ma che dall’assedio ci possono liberare.

lipotesidiaspen.com
spotify
facebook.com/Lipotesi-di-Aspen
twitter.com/ipsaspe

Band

MARCELLO RAVESI (voce e chitarra)
GIAMPAOLO BATTAGLIA (batteria)

MARCO PESCETELLI (tastiere)
DARIO
PIMPOLARI (basso)
\

Discografia

Album: CRONACHE DA UN ASSEDIO
©&℗ ConsorzioZdB / Goodfellas [2016]

Singolo: MERLI IN BOCCA
© Consorzio ZdB [2012]
In Compilation: ARTICOLO UNO
© Consorzio ZdB / OPR / L’Unità [2012]

Recensioni Cronache da un assedio

BUSCADERO “Era da tempo che non sentivo un gruppo italiano capace di tanta poetica violenza interiore, in grado di squarciare la notte cupa in cui si muovono le loro canzoni, con squarci che portano però una luce violenta come il fuoco di un napalm”

LESTER “Lavoro eccelso che fa della somma delle minute parti la sua forza. Se siete stanchi di vivere nel mondo della piattezza, del superficiale, del ‘tutto e subito’, ponete attenzione. Se siete convinti che mediocrità e vacuità possano essere combattute con le armi dell’audacia e della riflessione, se per voi ‘una botta e via’ è un approccio non solo inconcepibile, ma anche offensivo, L’Ipotesi di Aspen ha per voi delle armi affilate per resistere all’assedio che questi tempi oscuri muovono al vostro modo di essere, alla vostra anima, portandovi (e portandoci) ad innalzare enormi bastioni solo per sopravvivere.”